Deprecated: La funzione _register_skins è deprecata dalla versione 3.1.0! Utilizza al suo posto Elementor\Widget_Base::register_skins(). in /home/paflqqch/public_html/wp-includes/functions.php on line 5379
Mastoplastica additiva - ME.Plastic

Mastoplastica additiva

Percorso Clinico
  • Ricovero

    1 Notte

  • Durata

    1h 30m / 2h

  • Anestesia

    Generale

  • Ritorno al sociale

    5-7 Giorni

  • Sport

    30 Giorni

VEDI ANCHE

PERCHÈ FARLA

Il seno è da sempre considerato il simbolo di femminilità.
Donne che non hanno mai avuto un bel seno, proporzionato al proprio corpo o donne che a seguito di gravidanze o a dimagrimento hanno visto perdere volume, forma e definizione del décolleté spesso richiedono questo intervento per riacquisire sicurezza in se stesse o per ritrovare quel simbolo di femminilità .
La mastoplastica additiva, o aumento del seno, è l’intervento più richiesto in chirurgia estetica.
Tramite l’inserimento di un impianto mammario (protesi in silicone), è possibile aumentare il volume e modificare la forma delle mammelle.

FORMA E VOLUME

Un seno è bello non per le sue dimensioni ma quando vengono rispettate le proporzioni della paziente.

AD OGNUNA IL PROPRIO SENO

È di fondamentale importanza discutere con la pz su quali sono le reali aspettative dopo un intervento di mastoplastica additiva.

ll nostro team sceglierà la protesi e la tecnica appropriata su misura al tuo caso.

L’OBIETTIVO FINALE È RAGGIUNGERE UN RISULTATO NATURALE ALLA VISTA E AL TATTO, e CHE DURI NEL TEMPO.

LE PROTESI

Esistono molti impianti e aziende che li producono. Gran parte della prevedibilità e stabilità del risultato è determinato dalle loro caratteristiche e qualità.
Attualmente gli impianti utilizzati in Europa hanno una copertura di poliuretano o di silicone ad alta resistenza e sicurezza, con differenti gradi di testurizzazione (rugosità dell’involucro), riempiti di un gel di silicone medico ad elevata coesione che minimizza la migrazione dello stesso in caso di rottura. Tutte le protesi sono sottoposte a rigorosi controlli ed a monitoraggio da parte delle autorità sanitarie.
Ogni ditta produttrice offre un vasto catalogo; protesi rotonde o anatomiche (a goccia), configurabile in quasi tutte le dimensioni. Questo ci permette di scegliere con grande precisione la protesi che meglio si adatta alle caratteristiche fisiche e al desiderio della paziente.

  • Comunicare al chirurgo eventuali patologie, allergie e l’eventuale uso di farmaci e/o integratori.
  • Evitare il fumo di sigarette prima e dopo l’intervento.
  • Eseguire una serie di accertamenti prescritti dal chirurgo come routine preintervento.
  • Iniziare la terapia medica prescritta, da proseguire alla dimissione.
  • Munirsi di reggiseno di tipo sportivo con attacco anteriore senza ferretto

PRIMA

L'INTERVENTO

L’intervento viene condotto in anestesia generale.
La durata media dell’operazione è di un 90-120 minuti.
Le protesi possono essere inserite tramite diversi accessi, dunque le cicatrici saranno il risultato dell’accesso utilizzato.
Gli accessi possibili:
• Sottomammaria
• Emiperiareolare
La scelta di uno o dell’altro approccio, è basata su diversi parametri (la dimensione del areola, la necessità di modificare significativamente il solco sottomammario, e se è posssibile il desiderio della paziente).
Nel 99% dei casi, le cicatrici sono piccole e discrete. Normalmente per le nostre pazienti non rappresenta una grande preoccupazione.
Attraverso tali incisioni si procederà al confezionamento di una tasca che potrà essere:
• Sottofasciale: tra il piano muscolare e la ghiandola mammaria
• Sottomuscolare: la protesi viene posizionata sotto al muscolo grande pettorale.
• dualplane: la protesi viene posizionata in parte sotto il muscolo e in parte sotto la ghiandola. il doppio piano di dissezione permette di correggere lievi ptosi mammarie.

Il giorno dopo l’intervento verranno rimossi gli eventuali drenaggi e indosserai il reggiseno specifico. Il reggiseno lo dovrai mantenere per il primo mese giorno e notte.
Nell’immediato post-operatorio il seno sembrerà più grande di quanto non sia in realtà per la presenza di edema (gonfiore). Nel corso delle settimane l’edema tenderà gradualmente a ridursi. Il ritorno alle normali attività è abbastanza rapido.
E’ necessaria una settimana di riposo prima di riprendere le attività quotidiane. L’attività sportiva potrà essere ripresa dopo quattro settimane.

DOPO